Creazione siti Internet a Ancona

Realizzazione siti web nella provincia di Ancona (Marche)

Non hai la visibilità che cerchi? La tua azienda potrebbe comparire ai primi posti nei motori di ricerca per ricerche effettuate correlando le parole chiave di pertinenza del tuo settore con i termini relativi alla provincia di Ancona o alla regione Marche.

In questo modo puoi ottenere visibilità ogniqualvolta qualcuno sta cercando su internet un servizio, un'azienda o un professionista nella propria provincia. Per esempio "smaltimento amianto Ancona", oppure "vendita vini Marche" o ancora "ingegnere a Ancona".


Visualizzazione ingrandita della mappa

A differenza di quanto avviene con altre aziende che lavorano esclusivamente con il posizionamento geografico della provincia di Ancona ( e quindi non sono in grado di darti la stessa visibilità nelle altre province della Marche) è possibile ottenere gli stessi risultati per tutte le province della regione Marche o di tutte le altre regioni e province d'Italia.

Quindi potrai ottenere il posizionamento geografico anche nelle province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, per garantire la massima visibilità alla tua azienda.

E con una piccolissima cifra in più riuscirai ad ottenere un buon posizionamento anche per tutte le altre regioni e province di Italia.

Non ci credi? La nostra azienda opera in Sicilia e prevalentemente a Caltanissetta. A meno che tu non stia leggendo questa pagina dalla provincia di Caltanissetta il semplice fatto che tu la stia leggendo è la dimostrazione che questo servizio funziona bene.

Negli anni abbiamo ottenuto in questo modo un buon numero di clienti.

A chi serve questo tipo di posizionamento ?

Il posizionamento geografico serve a tutte le aziende che hanno interesse e possibilità ad effettuare i loro servizi anche al di fuori del proprio territorio. Per esempio, se la tua azienda si occupa di "impianti antincendio" ed hai il desiderio di espandere la tua attività anche al di fuori della provincia di Ancona o regione Marche allora potresti aver bisogno del posizionamento geografico.

Se invece hai una struttura localizzata in uno spazio geografico ben definito (albergo, hotel, ristorante, agriturismo etc...) non ha senso richiedere il posizionamento geografico al di fuori della provincia di Ancona. Inutile cioè comparire ai primi posti con la chiave di ricerca "ristorante a Ancona" se il tuo ristorante non è a Ancona.

In questi casi però potresti voler sfruttare il posizionamento geografico esclusivamente per la provincia di Ancona o per la regione Marche

Attenzione però,

se vuoi avere dei risultati veramente buoni è necessario che il tuo sito sia realizzato secondo determinati criteri, altrimenti sarà veramente difficile, se non impossibile, portarlo ai primi posti nei motori di ricerca.

Chiedi un preventivo

Nome Telefono
E-mail*    
Messaggio
   
ho preso visione dell'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali
si, voglio ricevere informazioni periodiche tramite newsletter
 
Per inoltrare la richiesta è necessario inserire il codice di verifica riportato nell'immagine sottostante:
verifica
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code
Refresh Ricarica Immagine

per attivare il tasto è necessario selezionare il checkbox relativo all'informativa sulla privacy
* inserisci un indirizzo valido
Garanzia privacy ~ Guida per conoscere i migliori vini siciliani ed i prodotti tipici siciliani

 

GARANZIA 100% PRIVACY - La tua e-mail non sarà ceduta a terzi nè sarà utilizzata per altri scopi, diversi da quello per il quale ti è stata richiesta.

Leggi le clausole sulla privacy.

 

 

 

News del 20/01/2012

Marche - Come produrre e vendere diciassettemila litri di succo

Distretto Agrumi. Federica Argentati spiega il progetto. Tratto da "La Sicilia" del 20 gennaio 2012

Distretto Agrumi. Federica Argentati spiega il progetto. Tratto da

Catania. Crederci, bisogna crederci. Ma. come sempre, non basta crederci. Bisogna anche mettere in moto un meccanismo serio, concreto, che analizzi la realtà dei mercati, le opportunità il potenziale, i canali da percorrere per sviluppare l'idea e trasformarla in un fatto concreto.

E' di arance spremute che parliamo, ripartendo dalle considerazioni fatte ieri dal presidente di Coldiretti Sicilia, Alessandro Chiarelli, anche alla luce dell'incrinarsi, secondo gli esperti, dei rapporti fiduciari legati alla qualità dei prodotti tra il più grande paese esportatore di succo, il Brasile, con gli Usa e, forse, con altri clienti. In Sicilia la questione è fondamentale per un settore che sta in perenne crisi.

E ad occuparsi oggi di strategie collegate proprio al succo d'arancia è il Consorzio Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia. Pochi giomi fa, infatti, Federica Argentati, presidente del Distretto, ha elaborato dopo l'incontro organizzato su sollecitazione dalla base sociale del Consorzio, un progetto molto dettagliato con il quale si potrebbe cercare e trovare, finalmente, una strada alternativa, nuova e produttiva per la valorizzazione del prodotto agrumi di qualità DOP, ICP e Biologico attraverso la trasformazione industriale. Con una non marginale ricaduta anche legata a energie rinnovabili.

Dice la Argentati: "il progetto nasce dalla consapevolezza dell'importanza di creare degli accordi con l'industria finalizzati ad accrescere il valore aggiunto della materia prima in un momento in cui la produzione, al contrario, subisce una forte pressione competitiva legata, oltre che alla concorrenza estera, anche alla scarsa capacità organizzativa del comparto che, nel rapporto con l'intera filiera, finisce con il ridurre fortemente il prezzo all'origine con danni non indifferenti anche sulla qualità produttiva degli agrumeti".

II primo nodo che il Consorzio, insomma, affronta, è il solito, quello della frammentazione delle aziende, mentre la politica della Comunità Europea è sempre più specificatamente volta all'incentivazione delle forme organizzate di impresa.

Ma che cosa è emerso dall’analisi del Consorzio e dall'elaborazione fatta dalla Argentati? «Abbiamo individuato tre punti principali di partenza: riposizionare sul mercato nazionale ed internazionale gli agrumi in genere e le produzioni IGP, DOP e Biologiche in particolare, sia per il consumo del fresco che del prodotto trasformato; conferire al prodotto trasformato di qualità il valore aggiunto necessario ad aumentare il margine di profitto sulla vendita della materia prima.

Abbiamo il potenziale di imprese ora bisogna organizzarsi per creare quante più sinergie possibili tra stumenti operanti nel comparto agrumicolo siciliano.

Ma agire attraverso il Consorzio che tipo di benefici può portare ai produttori? Dal momento che aderiscono al Consorzio 10 aziende aggregate, anche ipotizzando un interesse del 30% delle stesse e vista la loro rappresentatività in termini di superfici e quantitativi, e possibile supporre sin da ora importanti quantità di materia prima disponibile. In sintesi, fermandoci ad una ipotesi realistica, stiamo parlando di produzione per 45.000.000 chili, cioè 4500 vagoni che, restando sempre nella media realistica, significherebbe 17.100.000 di litri succo.

Naturalmente sarebbe opportuno riuscire ad affermare un marchio territoriale quale IGP/DOP e Biologico e, pertanto, tenere in debita considerazione la quantità di prodotto certificato in grado di immettere sul mercato. Noi riteniamo prioritario anche l'obiettivo di fornire prodotto finito in brick con elevata caratterizzazione del prodotto e del territorio Sicilia. Ma come dovrebbe avvenire la scelta dell'industria di trasformazione? «Andrà effettuata valutando capacità di produzione qualitativa e quantitativa in rapporto alle esigenze del cliente, alla disponibilità di prodotto, al posizionamento dell'industria rispetto alla produzione>>.

Ma il Consorzio culla anche un sogno legato alle energie rinnovabili. «Per noi - conclude Argentati - è importante cercare di sviluppare anche l'opportunità di "connettere" il progetto con I'utilizzo di energie da fonti rinnovabili, in particolare utilizzo di biomassa proveniente dal pastazzo degli agrumi e/o scarti di potatura>>.


Marche - Realizzazione siti web

Leggi tutte le news

Iscriviti alla newsletter di CLIC ~ E' gratuito!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato su:

  • Rapporti sull'utilizzo e la crescita di Internet;
  • Finanziamenti pubblici per le aziende relativi al settore (solo per la Sicilia);
  • Novità sul mondo del web di interesse per le aziende;
  • Offerte e promozioni CLIC;
  • Curiosità, statistiche, news varie.
Chiedi un preventivo alla web agency di Sicilia

consulenze per il web marketing

Tu sei qui: Home > creazione siti web > Marche >Ancona

Vuoi avere visibilità nella provincia di Ancona ? Sfrutta il posizionamento geografico e imponi la tua presenza anche a Ancona ed in tutta la regione Marche

Antonino Argentati

Antonino Argentati - Web master di Sicilia

Leggi tutte le news

13/04/2014

Il Residence sul mare in Sicilia

14/03/2014

Geologi di Sicilia

18/11/2013

Quadri moderni online

CLIC ~ CONSULENZE PER IL WEB MARKETING

Via Filippo Turati, 22 - 93100 Caltanissetta

Tel. / Fax 0934 597211 ~ Cell. 338 9687800 ~ info@clicsnc.it

P. IVA 01413320852 ~ Privacy policy


Ottimizzazione posizionamento siti web sui motori di ricerca

a cura di A. Argentati - Consulenze Aziendali per Internet

Scarica GRATIS "La guida alla progettazione del sito web per le piccole e medie imprese (PMI)"

Fare un sito web è facilissimo... ...farlo bene può essere molto complicato

Argentati - Consulenze aziendali per internet Scarica gratis, in formato pdf, la guida alla progettazione del sito web per piccole e medie imprese